indietro

GLUCOMANNANO CHITOSANO CASSIA NOMANE

GLUCOMANNANO CHITOSANO CASSIA NOMANE


Formulazione per capsula
➢ Glucomannano E.S. 500 mg
Chitosano E.S. 200 mg
Cassia nomane E.S.(flavonoidi (dimeri flavanici, luteolina) 100 mg

Forma Farmaceutica : capsule

Consiglio d’uso : 2 cps ¾ d’ora prima pasti e bere molto



Sazia e sgrassa

Questo preparato con il suo alto tenore in fibre diminuisce l’assorbimento di grassi e idrati di carbonio e accelera il transito intestinale
Il Glucomannano è una fibra che a contatto con l’acqua si gonfia potentemente e forma nello stomaco una gelatina che conferisce un senso di pienezza riducendo lo stimolo della fame.
Per ottenere l’effetto desiderato le fibre devono essere assunte con abbondanti quantità di acqua Gli effetti indesiderati riscontrati durante l’uso sono di modesta entità (mal di pancia, formazione di gas nell’intestino e, raramente, diarrea).
Si devono assumere i prodotti a base di fibre a distanza di 1-2 ore da eventuali farmaci abituali (anticoncezionali,antipertensivi,ecc), per scongiurare l’evenienza di una possibile riduzione del loro effetto.

Chitosano si ricava dal guscio dei crostacei, per trasformazione chimica. E’ molto importante assumerlo mezz’ora o un’ora prima dei pasti con abbondanti quantitativi d’acqua; raggiunto l’intestino ”cattura” i grassi presenti nei cibi, riducendo di circa il 30% la loro assimilazione.

Il chitosano è in genere ben tollerato.Può ridurre l’assorbimento di farmaci vitamine e minerali che si stanno assumendo. Il chitosano può assorbire molte volte il suo peso di grasso e colesterolo. Per la sua capacità di legare i grassi, può essere d’aiuto alle persone in sovrappeso.

La vitamina C aiuta ad attivare il chitosano in un gel assorbi grasso
I costituenti principali della Cassia Nomane sono flavonoidi (dimeri flavanici, luteolina) e la sua attività principale è quella di inibire la lipasi pancreatica risultando ipolipidemizzante.può quindi agire da
coadiuvante nelle diete volte al controllo del peso, soprappeso, alterazioni del quadro lipidico.
La ricerca farmacologica ha infatti indicato che molecole in grado di interferire nel primo step del metabolismo dei grassi, ovvero nell’idrolisi dei grassi alimentari ad opera degli enzimi, indispensabile per il loro assorbimento intestinale e dunque per la loro utilizzazione da parte dell’organismo a fini energetici o di deposito, siano di importante ruolo nel controllo del sovrappeso.
La Cassia nomame ha confermato di possedere tale azione, generando interesse nella comunità scientifica. In particolare l’attenzione è stata volta al fitocomplesso delle foglie in cui è stata trovata una grande concentrazione di polifenoli. Ad oggi, i dimeri flavanici possono essere presi come marker per la standardizzazione degli estratti.
Gli studi farmacologici non riportano tossicità, non sono riportati effetti collaterali significativi. E’ da segnalare tuttavia una possibile interferenza con l’assorbimento delle vitamine liposolubili. Non usare in gravidanza ed allattamento.

2018-08-17T00:18:23+00:00