indietro
MAGNESIO un minerale che dà calma ed energia 2018-08-17T00:06:03+00:00

MAGNESIO un minerale che dà calma ed energia

Il magnesio fa parte degli oligoelementi cioè sostanze necessarie solo in piccolissime quantità. Eppure l’organismo non può farne a meno. Il magnesio, nelle sue varie forme aiuta le cellule a produrre l’energia indispensabile al nostro corpo; regola la contrazione del cuore e la trasmissione nervosa; contribuisce alla produzione delle proteine; favorisce il rilassamento muscolare; combatte i fenomeni di nervosismo, ansia e scarsa concentrazione. Gioca un ruolo chiave nella sindrome premestruale: le donne che ne soffrono ne presentano bassi livelli
Il magnesio è anche indispensabile per il metabolismo osseo (nel corpo, due terzi del magnesio si trovano nelle ossa). Facilita inoltre l’utilizzo di alcune vitamine, come quelle del gruppo B, la vitamina C e la vitamina E, e favorisce l’assorbimento e il metabolismo di altri minerali (calcio, fosforo, potassio ecc)

La carenza di magnesio, quando c’è, si fa sentire: nervosismo, ipereccitabilità, cattivo umore, sonno disturbato, ansia, tensione muscolare, stanchezza, facilità di crampi muscolari, palpitazione, stipsi, intestino irritabile sono solo parte di un lungo elenco di disturbi e malesseri da cui possiamo essere afflitti quando l’apporto della nostra alimentazione non riesce a garantire il fabbisogno quotidiano stabilito (da 200 a 500 mg)
La carenza di magnesio è tutt’altro che infrequente nella popolazione, anche perché la quantità di questo prezioso minerale negli alimenti, in generale, non è elevata e, per giunta, la lavorazione e la preparazione dei cibi ne provocano perdite.

Si ottiene un migliore assorbimento (soprattutto a livello del Sistema Nervoso Centrale) se si assume un sale organico di magnesio; tali sono i sali delle nostre preparazioni di magnesio.
Orotati, Bisglicinati, Aspartati Citrati e Treonati sono sali che fungono da ottimi trasportatori del magnesio e il prodotto così composto si caratterizza per un’elevata biodisponibilità (ovvero un’alta possibilità di assorbimento da parte dell’organismo).