indietro
UBIDECARENONE (Coenzima Q10) 2018-08-17T00:09:49+00:00

UBIDECARENONE (Coenzima Q10)

Il coenzima Q10 svolge un’azione fondamentale nella produzione di energia ed esercita azione antiossidante e protettiva nei confronti dei radicali liberi. Le indicazioni terapeutiche approvate sono:
– nelle malattie cardiovascolari (insufficienza cardiaca congestizia, come coadiuvante nell’ipertensione, e malattie cardiovascolari in generale) in associazione al trattamento farmacologico standard;
– integrazione alimentare antiossidante;
– nell’ateriosclerosi, in associazione alle statine che tendono ad abbassarne i valori ematici;

Vi sono poi promettenti indicazioni che possa essere adoperato:
– nelle patologie gengivali (deficit di coenzima Q10 sono stati spesso riscontrati in pazienti affetti da patologie gengivali);
– nella distrofia muscolare;
– nel cancro (si è rilevato che le persone affette da tumore hanno livelli estremamente bassi di Q10);
– negli sportivi, per velocizzare il recupero dei muscoli affaticati o danneggiati;
– nel diabete di tipo I e II (sembra stimolare le cellule beta del pancreas, migliorandone la funzione);
– nell’ateriosclerosi (inibisce l’ossidazione del colesterolo LDL);
– nella fase iniziale del Parkinson (sembra rallentare l’evoluzione del morbo);
– nell’emicrania (sembra diminuire del 40% il numero degli attacchi).

Viene anche molto utilizzato in campo cosmetico come trattamento topico, in associazione ad altri antiossidanti, per contrastare e ritardare l’invecchiamento della pelle.
FONTI ALIMENTARI. Il coenzima Q10 è presente in: cereali, soia, noci, vegetali, soia, pesce, sardine, olii vegetali e germe di grano. Viene sintetizzato nelle nostre cellule a partire dall’alimentazione, ma con l’invecchiamento questa sintesi diminuisce (il fegato diventa meno efficiente nel convertire gli ubiquinoni presenti negli alimenti). Altre cause di deficit possono essere malnutrizione, intossicazione da agenti chimici, malattie

croniche, alcuni farmaci (es. Le statine bloccano l’HMG-CoA riduttasi che interviene nella sintesi dell’ubidecarenone).